MSF-Missione Italia cerca Mediatori culturali di varie lingue (Roma)

Posizione: Mediatore Culturale
Paese: Italia
Location: Roma, nell’ambito del Centro di riabilitazione per Sopravvissuti alla Tortura e di eventuali programmi sanitari derivati (“progetti spin-off”)
Scadenza candidatura :22/02/2017

Inizio della missione: ASAP
Tipo di contratto: Prestazione occasionale
Supervisori di riferimento: Funzionalmente al SW ed al FieldCo

Obiettivo generale
Consolidamento di un Centro per la riabilitazione delle vittime di tortura a Roma. In generale questo richiederà, attraverso la conduzione delle attività diagnostico-terapeutiche di consultazione sanitaria, sociale e legale un impegno continuo di sviluppo del partenariato con le realtà locali (in particolare Medici Contro la Tortura e servizi ASL), con l’obiettivo di realizzare un modello avanzato e integrato d’intervento per la riduzione della morbilità e degli esiti dei traumi subiti.

Attività

Assistenza

  • In collaborazione col professionista impegnato nella consultazione del paziente, assicura la propria presenza durante i colloqui di valutazione e follow-up;
  • Facilita la comunicazione tra i beneficiari e il professionista impegnato nella consultazione utilizzando il linguaggio più appropriato;
  • Partecipa alla discussione dei casi assieme al resto dello staff del Centro;
  • Somministra eventuali questionari, appositamente formato e con il supporto del professionista coinvolto, laddove richiesto
  • Provvede ad una accurata e precisa traduzione orale e scritta, laddove richiesto
  • Fornisce il proprio supporto all’inserimento di dati e alla preparazione di report mensili
  • E’ flessibile e aperto alle varie dinamiche culturali, multietniche e di genere presenti nei vari contesti
  • Al collaboratore può essere richiesto di eseguire attività aggiuntive non menzionate nella presente descrizione

Comunicazione

Assicura l’aggiornamento costante e tempestivo del SW e del Field Co sulle attività in corso
Si confronta con i professionisti dello staff al riguardo delle condizioni dei pazienti con cui interagisce, sia sulla base di informazioni ottenute sia di proprie impressioni e suggestioni

Può essere richiesto di eseguire attività aggiuntive non menzionate nella presente descrizione.

Il mediatore culturale è tenuto al segreto professionale e alla riservatezza.

Requisiti
(N = necessario

P = preferibile)

Formazione
Diploma:
Diploma Mediatore Culturale   N

Esperienze Professionali: 

  • Esperienza lavorativa pregressa                                             N
  • Esperienza di lavoro con pazienti vittime di tortura            P
  • Attività in favore di immigrati                                                N
  • Attività presso popolazioni marginali e vulnerabili              N

Lingue
Italiano    N

Una o più lingue tra Somalo, Arabo, Amarico, Tigrino, Urdu, Pashtu, Pulaar, Tui, Pidgin English, Bangla, lingue e dialetti del west africa (Bambara, Mandinga, Foula/Poular, Wolof, Djoula Malinké, ecc)  N

Qualità specifiche

  • Conoscenza del Sistema Sanitario Nazionale  N
  • Attitudine all’ascolto e all’accoglienza  N
  • Flessibilita’  N
  • Capacità a lavorare in Gruppo  N
  • Capacità a lavorare in condizioni di stress  N
  • Capacità a lavorare in un contesto multiculturale  N
  • Conoscenza di Word ed Excel  N

I candidati interessati possono inviare la propria candidatura inviando Curriculum Vitae e lettera di motivazione con l’autorizzazione al trattamento dei dati personali (D.Lgs 196/2003) all’indirizzo email msfocb-rome-office@brussels.msf.org  entro e non oltre il 22 febbraio 2017, specificando nell’oggetto della mail: Candidatura posizione MEDIATORE CULTURALE ON CALL – ROMA.

Lascia un commento